contatto@con-consapevolezza.com
Intuizione, cosa è e come esercitarla

Intuizione, cosa è e come esercitarla

Prendere delle decisioni è un problema per molti di noi. Se sei una di quelle persone che entra in panico anche per la scelta dello yoghurt al supermercato (fragola o banana?), allora questo articolo è per te! 😉 Scherzi a parte, la vita ci pone davanti a scelte numerose. Anche nel quotidiano è importante scegliere quali priorità dare a quali attività. A ciò si aggiunge il fatto che al giorno d’oggi c’è una tale vasta gamma di possibilità che da una parte ci rende più liberi, dall’altra ci sottopone ad uno stress continuo.

Mi ricordo una situazione da bambina dal gelataio. Quando mi si chiedeva che gusto volessi, ero davvero indecisa. In realtà questa indecisione proveniva dal fatto che avrei voluto provare più gusti diversi tra loro e non doverne scegliere due. Sentivo comunque che avrei dovuto scegliere in fretta, percepivo l’impazienza del gelataio e delle persone dietro di me, e alla fine prendevo sempre ciò che in realtà non volevo. Era un meccanismo strano: la mia pancia mi diceva di volere provare tantissimi gusti diversi e il mio cervello diceva: “deciditi in fretta, prendi due gusti standard!”. Alla fine era come se avessi imparato a fare decidere sempre il mio cervello, ignorando i miei veri desideri. Quando mi sono resa conto di questo meccanismo anni più tardi, ho provato a fare l’esercizio contrario. Di fronte ad una scelta anche banale come quella del menù al ristorante, provavo a scegliere istintivamente ciò che mi diceva la mia pancia. Ad esempio se il mio cervello mi suggeriva di prendere l’insalata perché più dietetica e la mia pancia cotoletta impanata con patatine fritte, sceglievo la seconda. O se ero attratta da un dolce particolarmente colorato o vistoso lo prendevo subito, ignorando la mia razionalità che mi invitava a moderarmi. Facendo questo esperimento mi sono resa conto pian piano cosa mi faceva bene e cosa no. E automaticamente ho imparato a capire meglio che cosa davvero desiderassi mangiare. Ho raccontato questo episodio della mia vita legato al cibo per spiegare che per me l’intuizione è una facoltà che si esercita e che si rafforza con l’esperienza.

L’intuizione è un training basato sull’esperienza

Definire l’intuizione non è un compito semplice. È un grande tema filosofico. Proverò a dare una definizione in base alla mia esperienza. L’intuizione secondo me non è soltanto un momento illuminante, un baleno in cui appare un’idea geniale, ma è la capacità di armonizzare e fare lavorare insieme l’intelligenza del corpo, l’intelligenza della mente e l’intelligenza emotiva. Su un livello spirituale l’intuizione è la capacità di percepire le intenzioni della tua anima, o del Sé o di quella parte “divina” dell’essere umano che ha tanti nomi. Nella mia umile opinione, gli esseri umani sono molto più di corpo e mente e hanno una parte “divina” che ha molta più esperienza e lungimiranza del nostro piccolo io. 🙂 Prima di aprirmi all’enormi risorse dell’intuizione, avevo difficoltà nel prendere delle decisioni. Mi rompevo la testa per trovare una soluzione solamente con la mia razionalità, utilizzando quindi una piccola parte di me stessa. Da quando ho cominciato ad aprirmi alla mia intuizione e alla mia interiorità, la mia vita è radicalmente migliorata. L’intuizione è una facoltà altamente creativa e visionaria, e aiuta a creare un armonia con il tuo io più profondo. Per fare un esempio, quando mi connetto con la mia interiorità nel quotidiano, mi domando quali siano le attività importanti da fare, senza attivare soltanto la mia razionalità o leggere la mia to-do list, bensì ascoltando il mio stato d’animo globale, il mio livello di energia, la mia pancia. Attivando quindi tutte le risorse che fanno parte della mia interiorità. Io sono convinta del fatto che non abbiamo ogni giorno le stesse risorse e potenzialità ma siamo esseri in continuo divenire. I nostri ritmi variano di giorno in giorno, il nostro livello di energia è diverso a seconda della parte della giornata, inoltre come la natura siamo sottoposti a cicli (giorno-notte, stagioni, clicli della luna etc.). Connettersi con la propria intuizione vuol dire rispettare queste variabili naturali e prenderne consapevolezza, chiedersi ogni giorno qual è il mio livello di energia, cosa posso affrontare oggi, quali sono le priorità, e attendere una risposta dall’interiorità. Stilare una to-do list non è di per sé sbagliato. Ciò che è sbagliato è fare dominare soltanto la mente. Ad esempio, se stai stilando una lista di cose da fare, invece di chiederti soltanto cosa “devi” fare, potresti chiederti cosa “desidero” fare, qual è l’attività più adatta al mio livello di energia di oggi. Se un giorno non ti senti tanto creativa sul lavoro, potresti sbrigare attività che hanno a che fare più con l’organizzazione o compiti più pratici e vice versa. Se sei stanca, invece di fare un work-out particolarmente difficile, potresti concederti una sessione di yoga o di stretching. Con l’esercizio imparerai presto a capire immediatamente quali sono le tue priorità in un determinato momento. Avrai più consapevolezza di quali sono le scelte da fare. Imparerai a lavorare con maggiore efficacia. Ma soprattutto saprai connetterti con i desideri più profondi della tua anima.

È l’intuizione una parte dell’inconscio? Sì e no. L’intuizione trae spunto dai desideri più profondi, ad esempio il desiderio istintivo di un determinato cibo come nell’esempio che ho descritto sopra, è però molto di più di questo perché si basa sull’esperienza e cresce in base alla consapevolezza che hai di te stessa. L’intuizione ti aiuta a distinguere tra le scelte dettate dalla paura e le scelte consapevoli, ti aiuta a capire quali atteggiamenti “istintivi” non ti giovano (ad esempio la voglia di mangiare dolci :D) e cosa invece ti aiuta a crescere. L’intuizione è una pratica, un training continuo basato sull’esperienza.

Come esercitare l’intuizione

Quando ho cominciato a interessarmi del tema, ho letto vari articoli di coach che descrivevano come esercitare l’intuizione. Un metodo suggerito era ad esempio, la scrittura in automatico per capire quali fossero i propri pensieri più profondi riguardo ad un tema. Un altro metodo era quello di esercitare il proprio istinto nelle scelte più banali, ad esempio per strada ascoltare il proprio istinto nella scelta di un percorso piuttosto che un’altro, oppure nella scelta del cibo come nell’esempio sopra. Ascoltare il proprio istinto per esercitare la percezione di sé e la propria intuizione è sicuramente un inizio, ma non basta. Specialmente chi è una persona indecisa e ansiosa (io ad esempio :-)) è spesso sopraffatta da emozioni come la paura, lo smarrimento o il sentirsi sopraffatta.

Per me un metodo molto efficace per esercitare l’intuizione è la connessione con il proprio respiro e con la propria interiorità. Se ti trovi in una situazione in cui ti senti smarrita e non sai che decisioni prendere, percepisci inizialmente questo tuo stato d’animo, la frustrazione che ne consegue o la tristezza, la disperazione. Riconosci in maniera onesta cosa succede dentro di te. Rivolgi la tua attenzione verso la tua interiorità, chiudi gli occhi, ascolta i pensieri che affiorano. Piano, piano riconnettiti con il tuo respiro naturale, senza volerlo influenzare. Questo atteggiamento meditativo ti rilassa, ti aiuta a riconnetterti con il tuo corpo e con la tua intelligenza emotiva. Anche se magari non succede subito, ti accorgerai che comincia ad affiorare all’orizzonte una vaga idea o una sensazione, forse nuove energie, per affrontare la situazione. Con il ritmo naturale del tuo respiro cerca, se vuoi, di connetterti con la vaga forma di una nuova soluzione, di una nuova visione che la tua mente ancora non conosce. Una delle caratteristiche più belle dell’intuizione è l’ apertura alle cose che ancora non esistono nel mondo materiale e che la mente non riesce ad afferrare in maniera razionale. Apriti alla percezione delle sensazioni sottili e abbi fiducia nel fatto che il tuo percorso si sta aprendo davanti a te. Spesso ciò che si manifesta è il prossimo piccolo passo. Ed è questa la maniera migliore e più salutare per raggiungere i propri obiettivi!

Lascia un commento

Chiudi il menu